Acabhnews: un blog decisamente sopra le righe

arzach.jpgUna delle occupazioni più gratificanti per gli amanti del Web è senza dubbio quella di girovagare fra risultati dei motori di ricerca, directory, portali e blogroll alla ricerca di contenuti nuovi, interessanti, stimolanti.

Spesso il blog, il sito o il portale dei tuoi sogni non lo stai cercando, è quella meraviglia che non ti aspetti: il bello del Web è anche la sua capacità di unire il piacere della ricerca alla tecnologia e mai come in Rete è vero che chi cerca trova.

Ultimamente la mia ricerca si è appuntata su blog e risorse concernenti l’ arte in senso lato: e allora giù a vagliare tonnellate di siti di pittura, disegno, fumetto, scrittura, letteratura, creatività e chi più ne ha più ne metta.

Mi sono infine imbattuto in un blog particolarmente curioso, che con il suo tono scanzonato e sopra le righe ha subito afferrato la mia attenzione e mi ha fatto decidere di scriverci su qualche riga: si chiama Acabhnews.

La prima cosa che colpisce è la meravigliosa immagine eponima che troneggia nella testata: raffigura un’ incisione da “Moby Dick”, con chiaro riferimento al nome del blog. Quell’ immagine è già di per sè il manifesto artistico del blog, improntato ad un taglio visionario e straniante sulla realtà.

Il colore nero dello sfondo con le scritte in colore rosso evidenzia al meglio l’ anticonformismo e l’ anticonvenzionalità che il blog propone come sua direttiva imprescindibile.

E poi, i contenuti: immagini inconsuete, bizzarre, grottesche, stravaganti o semplicemente ironiche. Come ironici sono i testi che fanno da protagonista su questo blog, lacerti di vita e di varia umanità che rapiscono giusto il tempo di bersi un caffè. Dopodichè lasciano dentro la voglia di saperne di più sui progetti, le gallerie e le rubriche del fantasmagorico Arzach, ironico e bonario, ma sempre voglioso di sorprendere e stupire.

(La foto inserita nel testo è presa dal sito www.acabhnews.blogspot.com ed è di proprietà di Arzach)

Acabhnews: un blog decisamente sopra le righeultima modifica: 2012-02-02T16:27:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo